venerdì 15 giugno 2012

FILETTERIA


DOVE: Via Lecco, 15 – Porta Venezia, tel. 02 29531938

QUANTO: primi 5 euro, secondi 8 euro

PER: buona scrofata low cost

DA PROVARE: gli spaghetti con le cozze


Nelle metropoli cambia tutto molto in fretta, soprattutto di questi tempi. Quando sono tornata a Londra, dopo un anno, non riuscivo più a ritrovare i punti di riferimento del mio quartiere. Niente più Oxfam, sparito il bar vegan e anche il ristorante dove lavoravo. Solo il mio libanese fornitore di burger era rimasto tale e quale.
Milano mi sembrava immune a questi cambiamenti repentini, finché in pochi giorni non ha chiuso la Boutique dell’amore, lasciando un vuoto non indifferente, visto che occupava ben 3 vetrine.
Ieri abbiamo notato un’altra trasformazione: è spuntata la nuova filetteria!
Un cartello scritto a mano su una tovaglietta di carta ha subito attirato la nostra attenzione: primi 5 euro, secondi 8 euro, si accettano tutti i ticket. E così eccoci l’indomani a tentare di prenotare per provarlo in massa. Il sito riporta direttamente alla home di aruba, il telefono suona staccato, non resta che fare un’improvvisata.
Siamo entrati in 6 per poi moltiplicarci fino ad arrivare a 9, senza per questo turbare la calma del proprietario né destare curiosità negli altri commensali. Se alla Madia ogni giorno a pranzo non manca “il maestro” (scambiato per un homeless dalla nostra collega al primo giorno di lavoro ndr), alla filetteria una signora anziana sembra essere la vera habitué, nonostante il nostro chiasso e una corporatura quasi trasparente sembrava davvero gustarsi la sua pasta. Prima di andarsene ha anche azzardato un "Allora ci vediamo domani!". Speriamo.
Noi non abbiamo mancato di aggiungere piatti, spostare coperti, chiedere antipasti alla carta e pure la carta dei vini, che non c’era.
Il menu del giorno è appeso fuori, nonostante ciò non siamo entrati con le idee chiare. L’operaio stravaccato nei due tavolini esterni mi aveva indirizzato verso gli spaghetti alla tarantina (con le cozze), ma gli gnocchi con gamberetti e pachino mi hanno messo seriamente in difficoltà. La scelta, comunque, è tra 4 primi e 5 secondi con contorno. Buoni assai, soprattutto per quel prezzo.
Da notare che in tutto ciò non c’è nemmeno un filetto, quello lo trovate in diverse varianti a 20 euro sul menu alla carta.
Due parole sull’ambiente: molto buio e scuro, con delle bolle di vetro soffiato che piovono dal cielo, ma abbastanza silenzioso e rassicurante, come l’acqua Panna che vi verrà servita.
Abbiamo assaggiato anche gli antipasti, finocchiona ­– detta l’inseparabile – mitico prosciutto toscano tagliato al coltello e crostini toscani – appena appurato che c’erano i fegatini mi sono rifiutata di avvicinarmi.
Il fatto è che abbiamo divorato gli antipasti dopo la pasta alle cozze, abbinamento che vi sconsigliamo. La combo fegatini-gamberetti è a dir poco pericolosa. 
Per questo motivo l'unico saluto che sentiamo di farvi è burp. E buon week end!







3 commenti:

  1. Incuriosito dalla vostra recensione ci sono passato davanti ieri sera ma con profondo rammarico ho trovato una "trattoria toscana" all'apparenza un po' pettine (casse di vino e ammennicoli bucolici in vetrina) e carta esposta con secondi a 40 euro... Possibile sia la stessa?

    RispondiElimina
  2. Sì, è quella. Ma qui parliamo di pause pranzo, caro!

    RispondiElimina
  3. Avevo il sospetto, è che qui non girano nemmeno i buoni pasto per cui tocca stare moooolto schisci.
    Grazie, cari!

    RispondiElimina