martedì 28 febbraio 2012

MAMA BURGER

DOVE: via Vittor Pisani 14 (mm Centrale, mm Repubblica), tel. 0267075379

QUANTO: hamburger a partire da 8 euro. Menù a partire da 16 euro. Insalate a partire da 8 euro.

PER: chi può permetterselo.

DA PROVARE: tutti gli hamburger (chi l'avrebbe mai detto).

Il Mama Burger di Vittor Pisani è uno dei tre Mama Burger della città (ne troverete un altro in zona Duomo e un terzo a Rho Fiera). Noi ci andiamo quando abbiamo molta fame, o quando all'inizio del mese ci sentiamo ricchi e pensiamo che il blocchetto dei buoni non finirà mai (terminerà puntualmente il dieci del mese). 

Va detto: il Mama Burger non è un locale economico. Ma i panini, a mio avviso, valgono la pena. Niente a che vedere con gli hamburger delle celeberrime catene o con quei tristiburger che trovate in qualche bar,  che sanno di cadavere e il pomodoro è pallido e poi non siete nemmeno contenti, solo più grassi.

Il Mama Burger è sempre affollato, quindi arrivate all'una in punto, o vi toccherà aspettare. Le cameriere sono molto agitate: avvicinano tavoli, li allontanano, sparecchiano, apparecchiano, vi fanno stringere, allargare e così via. Se volete una pausa pranzo tranquilla, andate altrove: il Mama Burger, a suo modo, è impegnativo.

Frequentato soprattutto da giacchecravatte che sciamano dagli uffici attorno, non sarà facile non sbrodolarvi quando addenterete il panino. Un po' la fame, un po' la foga, un po' le dimensioni dell'hamburger: evitare di sporcarsi è un'occupazione che prende tutti. Quindi, andateci con qualcosa di molto scuro o mettetevi un bavaglino. Purtroppo non ne forniscono, ma forse dovrebbero. Il tovagliolo di carta non può nulla contro l'aggressività di quelle salse.

Tra i panini, amo in particolar modo il Mama burger che uno pensa, si chiama come il locale, quindi sarà il panino più porco. Invece no. Sono due hamburger che, sommati, danno il peso di uno solo. Ci si sporca meno, sembra di mangiare di più, e il bacon che vi crocca sotto i denti è buonissimo, come anche le patatine che accompagnano ogni piatto (non sono molte, per averne un bel po' accaparratevi il menu, ma vi costerà non poco). Le Cesar salad non sono spettacolari, ma del resto qualunque insalata risulterebbe triste in un contesto del genere. Se non avete voglia né di erba né di carne, potete assaggiare un buon fish and cheaps. Se siete vegetariani, andate su un Veggie burger o su un Mamasoya e passa la paura. 

Qualche volta capita che l'hamburger sia troppo cotto: specificate che tipo di cottura volete, nel momento dell'ordinazione. Forse vi presteranno ascolto e sarete felici, sporchi di ketchup e con davanti un pomeriggio di american rutti.

Direi che una volta almeno va provato. Non fate i timidi (o i tirchi).

3 commenti:

  1. Oltre a costare uno sproposito rispetto alla reale qualità,è del figlio di La Russa. C'è bisosgno di aggiungere altro?

    RispondiElimina
  2. per noi può essere pure il figlio di Satana, ma i panini ci garbano!

    RispondiElimina
  3. Il panino singolo viene servito senza patatine, nel ristorante zona Duomo: 8€ per il modello basic, senza neanche l'acqua, è davvero eccessivo! Il menù, invece, è caro, ma ne vale la pena: patatine, bibita e caffé americano!

    RispondiElimina